Filadora: attenzione e cura dal primo acino al graspo

Il vitigno d’elezione coltivato è il Nebbiolo, probabilmente il più nobile vitigno rosso italiano.  Il Nebbiolo è coltivato solo in Piemonte ed in una piccola zona della Lombardia ed è  il padre di alcuni tra i più prestigiosi vini al mondo. Aroma robusto, alto in tannini e acidità, sà ricompensare l’invecchiamento paziente  con  una beva di gran livello dopo  adeguato  riposo in bottiglia Colore rosso brillante quando è giovane, con l’età assume riflessi granati ed offre un bouquet che si arricchisce , anziché disperdersi, col tempo.   Il Nebbiolo si presta perfettamente alla coltura in queste zone per le sue caratteristiche di resistenza al clima locale, caratterizzato da forti escursione termiche e per la sua perfetta simbiosi con  un terreno ricco di minerali che gli conferiscono una struttura importante ed bouquet ricco e deciso. Ma il Nebbiolo non è il solo vitigno autoctono coltivato in Filadora. Ad esso si affiancano la Vespolina, vitigno locale tutto da scoprire e in scoperta, che dona al bicchiere colore acceso e sapori inusuali, piacevolissimamente speziati e l’Uva rara, la Croatina, Uva Bianca.

Filadora I VITIGNI